Il Fatto Quotidiano

Bergamo, 48enne muore di meningite: è il 4° caso di infezione in meno di un mese nei paesi sul lago d’Iseo


Un altro caso di meningite sul lago d’Iseo, nella Bergamasca. Marzia Colosio, madre di due figli, è morta questa mattina agli Spedali Civili di Brescia dopo un giorno di ricovero. La donna, 48enne originaria di Tavernola ma residente a Predore, in provincia di Bergamo, aveva accusato i primi malori il giorno di Capodanno e dopo poche ore la sue condizioni si sono aggravate, fino al decesso di questa mattina. L’Ats e i comuni della zona si sono attivati subito per avviare la profilassi ai familiari e per coloro che hanno avuto un contatto con la donna. Così come il sindaco di Predore Paolo Bertazzoli che con un post sul suo profilo Facebook ha invitato la cittadinanza a consultare il medico.

Si tratta del quarto caso di meningite in meno di un mese sul lago d’Iseo, il secondo mortale: lo scorso 2 dicembre era morta una studentessa di 19 anni. La donna viveva e lavorava a pochi chilometri da Villongo, proprio dove sono stati registrati gli altri tre casi. Secondo i medici, che hanno diagnosticato a Marzia Colosio una forma aggressiva, resta ancora da stabilire se si tratti del ceppo C, lo stesso dei tre residenti di Villongo. Non si tratterebbero, tuttavia, degli ultimi casi in Italia: solo alcune ore prime, la sera di Capodanno, una ragazza di 14 anni è morta a Sassari per una meningoencefalite batterica. In questo caso si è trattata di una forma di meningite riconducibile a un virus e quindi non contagiosa. Pertanto le autorità sanitarie non hanno attivato i protocolli di profilassi.


close

Prima di continuare


Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo.
Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla.
L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.


Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro.
I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire
sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi
de ilfattoquotidiano.it.


Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare
il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.


Grazie,

Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, furto da 385mila euro a casa di un 28enne: rubati Rolex e lingotti d’oro

next




Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *